Le case in legno nel 21° secolo…

Le case prefabbricate in legno, devono essere belle dal design moderno e contemporaneo. Devono essere funzionali e confortevoli, abitazioni che guardano il futuro senza essere futuriste, case in legno flessibili che si adattano perfettamente alle vostre esigenze.
Le case prefabbricate sono abitazioni dalle grandi prestazioni termiche ed energetiche e dai bassi consumi, con conseguente risparmio sulle bollette e nei costi di gestione annuali. La casa prefabbricata deve essere luminosa con spazi aperti che esaltano l’ampiezza, con soppalchi e grandi vetrate che danno sul giardino. La casa ideale, deve potere ospitare persone per pranzi e cene, deve avere una zona studio, un giardino privato, lontano dagli occhi indiscreti dei vicini, deve avere un grande terrazzo ed una piscina.
La casa prefabbricata ideale deve esprimere la personalità di chi la abita, deve farti sentire sempre in vacanza, la casa è il tuo punto di riferimento, il tuo punto di partenza, ma soprattutto il luogo in cui vuoi sempre fare ritorno.
Le case moderne nel 21° secolo sono le case ecologiche. La casa ecologica è la soluzione ideale dove vivere, la casa in legno, rispetta l’ambiente, ed è un luogo salubre nel quale vivere, con notevoli risparmi sui costi di gestione e mantenimento, soprattutto sul costo del riscaldamemto e raffrescamento. In alcuni casi, come la casa passiva i costi di gestione sono pari a zero!
Cosa aspetti ad entrare nel fantastico mondo delle case prefabbricate in bioedilizia ? 
 

Nizza 140

Questo slideshow richiede JavaScript.

| NIZZA 140 |

prezzi a partire da 136.000 € consegna la “Grezzo Avanzato

prezzi a partire da 198.000 € consegna la “Chiavi in Mano

Continua a leggere

LOTS 70_100_120

Questo slideshow richiede JavaScript.

| LOTS 70_100_120 |

prezzi a partire da 83.000 € consegna la “Grezzo Avanzato

prezzi a partire da 125.000 € consegna la “Chiavi in Mano

Continua a leggere

La casa Passiva è realmente una casa Passiva ?

NON C’E’ UNA CASA PIU’ ATTIVA DI UNA CASA PASSIVA , VEDIAMO PERCHE’…

Questo articolo è stato scritto da Umberto Evangelista per  www.casapassiva.com.

 

Ho sempre trovato il termine PASSIVA inadeguato e riduttivo.
L’aggetivo qualificativo passivo dal vocabolario significa :
1 ) in generale, che subisce l’azione altrui; privo di iniziativa.
2 ) in economia, si dice di un bilancio d’azienda in cui le entrate sono inferiori alle uscite.
3 ) in economia fa riferimento al complesso delle perdite e dei debiti di un’azienda.

Io ho sempre preferito chiamarla amichevolmente casa Attiva.
Trovo che l’aggettivo ATTIVO sia più appropriato per descrivere una casa intelligente che trasforma il sole in energia elettrica e fa funzionare i nostri amati elettrodomestici, compreso il computer (fotovoltaico), che riscalda le acque sanitarie della doccia e dei rubinetti (solare termico), che ricicla le acque piovane e le riutilizza per gli sciacquoni dei bagni e per l’innaffiatura delle piante, che utillizza la temperatura interna della terra (geotermia) per riscaldare l’abitazione d’inverno e raffrescare la abitazione d’estate mantenendo sempre una temperatura ideale all’ interno, che utilizza la domotica per migliorare le prestazioni e le funzionalità della casa stessa.

In questo articolo non voglio entrare nel dettaglio affrontando specifici argomenti come fotovoltaico, solare termico, eolico, ecc ecc… Questo sito è pieno di splendidi articoli ben scritti ed esaustivi. Ho voluto affrontare l’argomento in generale, nella maniera più semplice possibile. Ho voluto offrire al lettore più inesperto le prime informazioni, ho provato ad inoculare il virus che infetterà e tenterà di migliorare il vostro senso etico. Lo scopo è farvi capire che esistono alcune tipologie di abitazioni ora, oggi, nel 21° secolo, che possono essere totalmente autonome o parzialmente autonome, che se ne infischiano dell’aumento dei carburanti e dei costi del gas metano, che si integrano perfettamente con la terra e non la sfruttano impoverendola ma al contrario utilizzano le sue risorse primarie gratuite ed inesauribili, come sole, vento e terra, per migliorare lo standard qualitativo dell’abitazione offrendo il massimo comfort al minimo costo.

Dò per scontato che una casa passiva sia anche una casa ecologica, cioè che sia costruita con materiali ecologici!

Chi non vorrebbe una casa, che offre grandi prestazioni, che non consuma niente?
Chi non vorrebbe una automobile, che offre grandi prestazioni, che non consuma niente?

Ho usato l’esempio dell’automobile, perchè è simile ed attuale più che mai. Tutte le case automobilistiche stanno immettendo sul mercato nuovi modelli di automobili, ibride o elettriche. Questo certamente sarà il futuro dell’automobile! Sono macchine fantastiche, che hanno un solo difetto grande come una casa… costano tantissimo! Chi le acquista a questi prezzi, non rientrerà mai dell’investimento fatto, risparmiando sul solo costo del carburante.

Fortunatamente, nel caso delle case passive i costi sono più abbordabili ed equilibrati ed in questo caso, c’è un autentico vantaggio economico. Dopo qualche anno vengono totalmente ammortizzati i costi per dotare la casa della sua passività, a lungo termine si può parlare di un autentico risparmio di denaro.

Una casa passiva costa sicuramente più di una casa “tradizionale”, ma non sono nemmeno paragonabili tra loro. Va detto che i costi stanno scendendo e anche di parecchio un’esempio tangibile è il fotovoltaico. Il fotovoltaico solo qualche anno fa costava il doppio, il prezzo è sceso grazie ad una semplice regola: è aumentata la richiesta di mercato,  di conseguenza sono aumentate le aziende che producono pannelli fotovoltaici, sono aumentati gli installatori, con conseguente diminuzione del prezzo stesso. Se aumenterà la richiesta per gli impianti di geotermia, il principio sarà lo stesso…

Mi auguro che almeno uno di voi decida di costruire una casa “passiva”, ed auguro a chiunque di possedere un giorno una casa passiva. Immaginate la soddisfazione che si prova a non ricevere più bollette…

Pensate ancora che la casa passiva sia realmente passiva?